Dopo la Coppa del Mondo “Roma 2020 Weightlifting World Cup” è ancora spettacolo al PalaPellicone di Ostia con le Finali dei Campionati Italiani Assoluti di Specialità, in programma oggi e domani sul litorale romano.

La prima Campionessa Assoluta di giornata è Gabriella Battaglia, che si aggiudica due medaglie d’oro nella categoria 87 kg: l’atleta della Pesistica Capurso sale sul gradino più alto del podio sia nello strappo con 74 kg, che nello slancio con 94 kg.

Dopo di lei, nella +87 kg, è la siciliana Desiree Corsale ad aggiudicarsi il doppio oro: la giovane pesista dell’Ironfit batte la concorrenza sollevando 67 kg di strappo e 93 kg di slancio.

Nella 55 kg maschile è Marco Meneguzzo a conquistare due ori, che vanno a confermare il titolo italiano assoluto vinto solo poche settimane fa: per Marco 95 kg di strappo e 110 kg di slancio.

Dalla 55 kg si passa alla +109 dove a trionfare è l’atleta delle Fiamme Rosse, Federico Moriconi: il toscano riesce infatti a sollevare 150 kg di strappo e 185 kg di slancio.

Nella 45 kg femminile fa gara a sé Celine Delia che, nonostante fosse la più giovane in pedana, riesce a far suoi tutti e due gli ori in palio: alla bentegodina basta un’alzata di strappo a 50 kg e una di slancio a 60 per aggiudicarsi entrambi i titoli.

Nella categoria fino a 49 Kg la stessa prestazione non riesce alla pordenonese Martina Bomben che, dopo aver vinto il titolo nello strappo con un positivo trittico di alzate di cui l’ultima a 72 kg, si vede soffiare il titolo nell’esercizio dello slancio dalla piacentina Irene Belluomini, che con una terza prova a 86 Kg, supera per un Kg l’atleta della Pesistica Pordenone.

Nella 61 kg c’è un ottimo Mirco Scarantino che chiude con il risultato di 123 KG di strappo e 145 KG di slancio conquistando l’ennesimo Titolo Italiano in carriera. L’Azzurro delle Fiamme Oro torna a sollevare chili importanti e si mostra carico in vista dei prossimi appuntamenti internazionali. Da segnalare il nuovo record italiano di slancio U17 fatto da Luca Ficarra, che solleva132 kg.

Sempre spettacolare ed equilibrata invece la categoria fino a 67 kg, in modo particolare nello Slancio, con i soliti Indoviglia, Mannironi e Carlucci a dare spettacolo e a lottare chilo su chilo. Alla fine, la spunta in entrambe le specialità il siciliano della Vlasov200 grazie ai 146 KG della terza prova, che va ad incorniciare una prestazione senza errori.

Nella categoria 55 kg femminile è la neofita Cecilia Proietti a salire sul gradino più alto del podio di entrambe le specialità; la 32enne, con soli 3 anni di pesi alle spalle, riesce a scalzare le avversarie con uno strappo a 77 kg e uno slancio a 90 kg!

Nella 59 kg grande sfida nello strappo tra Corbu, Kraja e Piccinno: alla fine la spunta Giulia Corbu con una prestazione ineccepibile chiusa con 81 kg in terza prova. Dopo l’oro di strappo però, la sarda ha un risentimento durante la prima prova di slancio e non riesce a proseguire la gara: ne approfitta Noemi Kraja che sale sul gradino più alto del podio sollevando, per la prima volta nella sua vita, 100 kg nell’ultima prova a sua disposizione.

Nella 73 kg trionfa Salvatore Esposito: nello strappo per lui un’unica prova valida a 136 kg che gli vale l’oro di specialità davanti al secondo Veglia. Nello slancio poi, con l’avversario ritiratosi a causa di un problema fisico, il toscano ha vita facile e conquista il gradino più alto del podio con 160 kg sollevati al primo tentativo.

Nella categoria fino a 81 kg è show per Oscar Reyes che unisce potenza, forza, velocità e tecnica. Nello strappo inanella una progressione perfetta: 150, 155 , 160 e conquista la medaglia d’Oro di specialità avanti di ben 29 kg rispetto al secondo Cangemi. Nello slancio dopo una prima prova nulla e una seconda a 195, Oscar chiude con ben 200 kg sul bilanciere!