Misure di contenimento anti-Covid (DPCM 14 gennaio u.s.)

Si precisa e si ribadisce che qualunque sia il livello di rischio (“colore”) della Regione o del Territorio ospitante, ai sensi dell’art. 1, comma 10, lett. e) è consentito lo svolgimento delle gare federali di livello agonistico, riconosciute di preminente interesse nazionale come da provvedimenti del CONI e del CIP pubblicati sui rispettivi siti.


Formula di Gara

In deroga allo svolgimento della gara ordinaria, che prevede la suddivisione netta tra l’area di gara e quella di riscaldamento, è concessa ai  Comitati Territoriali organizzatori la possibilità di organizzare la Competizione FIPE utilizzando la sola area di riscaldamento, consentendo agli Atleti di rimanere fermi sulle proprie pedane di riscaldamento per eseguire le rispettive sei alzate di gara, facendo muovere, la sola terna arbitrale che dovrà approssimarsi di volta in volta alla pedana dell’Atleta chiamato dallo speaker.
Questa nuova modalità organizzativa, che deve essere considerata come un’opzione aggiuntiva alla formula ordinaria e può essere attuata su base facoltativa dai singoli Comitati Territoriali (in base alle proprie specifiche condizioni logistiche), mantiene inalterate le regole ordinarie in termini di chiamata in pedana degli Atleti, di passaggi e di tempi a disposizione degli Atleti stessi per le proprie alzate.
Le uniche due condizione obbligate sono che non si può suddividere una stessa giornata di gara in entrambe le formule (o si sceglie l’una o l’altra), e nel caso si scelga quella “nuova”, in Area Unica, ogni sessione di gara deve essere arbitrata obbligatoriamente dalla stessa terna; non è possibile utilizzare più terne per la stessa sessione di gara, mentre è possibile cambiare terna tra una sessione di gara e quella successiva.
I Comitati Territoriali organizzatori devono individuare i percorsi più idonei per garantire lo spostamento in sicurezza all’interno dell’Area designata per la gara per gli Ufficiali di Gara e per tutti gli altri operatori interessati, a seconda delle specifiche competenze.
I Comitati Territoriali organizzatori devono garantire, come norma generale, la presenza di appositi addetti al caricamento, anche divisi in più squadre, che si spostino verso le pedane degli Atleti chiamati in gara dagli speaker, se le condizioni logistiche e le dimensioni dell’Area di Gara lo consentono. Altrimenti, è consentito che le operazioni di caricamento del bilanciere siano svolte dai Tecnici/Accompagnatori della Società e/o dagli Atleti stessi.
Resta sempre in capo agli Ufficiali di Gara, nelle loro specifiche competenze, assicurarsi e garantire il corretto caricamento del bilanciere, prima che venga autorizzata l’alzata.


Sede di Gara

  • È possibile organizzare la gara in Palestre, Palazzetti o qualsivoglia spazio sportivo in cui è possibile garantire il rispetto di quanto prescritto nelle Linee Guida e nei Regolamenti federali in vigore.
  • È consentito utilizzare anche palestre o spazi in cui a terra sia presente pavimentazione gommata con asse centrale incassata tra le gomme, sempre a condizione che le stesse mantengano le distanze necessarie per lo svolgimento della gara in sicurezza; in questo caso lo spazio/pedana destinato a ciascun Atleta è delimitabile tramite l’utilizzo di nastro carta.

Attrezzatura

  • Per le alzate di gara è fatto obbligo di utilizzare aste omologate dalla Federazione Internazionale.
  • In deroga a quanto contenuto nei Regolamenti federali, è consentito l’utilizzo di dischi non omologati dalla Federazione Internazionale, a condizione che venga rispettata la simmetria della coppia caricata sul bilanciere. Resta sempre in capo agli Ufficiali di Gara, nelle loro specifiche competenze, assicurarsi e garantire il corretto caricamento del bilanciere, prima che venga autorizzata l’alzata. Ovviamente, qualora la gara si svolga in modalità ordinaria, i kit di gara devono essere completamente e regolarmente omologati (sia aste che dischi).
  • È data facoltà ai Comitati Organizzatori, sulla base delle disponibilità logistiche proprie e delle sedi di gara prescelte, determinare la dimensione delle pedane di riscaldamento/gara: dalle dimensioni minime di 3 mt x 2 mt, a quelle massime di 4 mt x 4 mt, a condizione che, nella stessa sede di gara, siano utilizzate, per le alzate di gara, tutte pedane delle stesse dimensioni.

Programma di Gara

  • È consentito svolgere le singole qualificazioni ai Campionati Italiani in due week-end distinti ma consecutivi, entro il termine ultimo di domenica 21 febbraio ed (all’occorrenza) a partire dal sabato della settimana precedente, nella stessa sede e/o in sedi diversi.
  • È consentito suddividere le giornate di gara per genere e/o per classi di età; in questa ultima circostanza è consentito disputare una singola categoria di peso in giornate differenti.
  • È consentito disputare la gara su sedi diverse (anche eventualmente in contemporanea); anche in questa circostanza è consentita la “separazione” di una singola categoria di peso.

Disposizioni particolari per i partecipanti e per gli organizzatori

  • Ogni Atleta iscritto alla gara può essere seguito in sede di gara da un solo Tecnico/Accompagnatore (1 per ogni Atleta)
  • Gli Atleti e i Tecnici possono accedere all’impianto/sede di gara, solo nel momento delle operazioni di peso della loro specifica categoria e nel momento di inizio della loro sessione di gara. All’accesso in sede di gara, è fatto obbligo di misurare la temperatura corporea e di consegnare il modello di autocertificazione (allegato 1).
  • E’ facoltà di tutti gli operatori sportivi coinvolti nell’organizzazione utilizzare il modello di autocertificazione (allegato 2) a supporto giustificativo dell’eventuale spostamento dal propria sede di provenienza a quella di gara. Tale modello non deve intendersi sostitutivo degli eventuali modelli di autocertificazione disposti dalle Autorità competenti.
  • Le modalità di raggiungimento delle sedi di gara sono disciplinate dalle normative statali o locali vigenti e non rientrano nella competenza della Federazione.

Consegna obbligatoria agli Organizzatori nel momento dell’accesso al sito sportivo

Affianca, ma non sostituisce l’autocertificazione del Ministero, dove prevista