In un video pubblicato sui propri profili social il Ministro per le Politiche Giovanili e lo Sport Vincenzo Spadafora annuncia importanti novità e assume pubblici impegni concreti per dare seguito operativo e immediato alle misure messe in campo per il sostegno allo sport dilettantistico

  • Entro mercoledì di questa settimana il Ministero dell’Economia dovrebbe inviare le risorse a Sport e Salute (incaricata di gestire i pagamenti), per consentire alla Società di erogare le ultime 47mila indennità dei lavoratori sportivi che hanno fatto domanda avendone i requisiti, rimaste ancora in sospeso, per il mese di marzo;
  • Con lo stesso flusso economico dovrebbe essere garantito in automatico a tutti quelli che avevano presentato domanda, avendone i requisiti ( circa 131mila), anche il pagamento delle indennità per i mesi di aprile e maggio, senza necessità di ripresentare ulteriore domanda,  anche a prescindere dal limite dei 10 mila euro di reddito, inizialmente posto
  • Dall’8 al 15 giugno si riaprirà una nuova finestra sempre sul portale di SeS  per i lavoratori sportivi che non dovessero aver fatto in tempo o non fossero riusciti a farla nella precedente scadenza, sempre per richiedere le indennità di marzo, aprile e maggio;
  • Dall’8 giugno dovrebbero essere pubblicate sul portale dell’Ufficio Sport del Governo, i criteri per accedere alle risorse a fondo perduto per ASD e SSD;
  • Dal 15 giugno dovrebbero ripartire tutte le Attività Sportive amatoriali;
  • Il CONI ed il CIP hanno messo a disposizione 5milioni di Euro ciascuno da destinare alle ASD/SSD con criteri che saranno resi noti;
  • Entro il mese di agosto dovrebbe essere presentato al Consiglio dei Ministri il tanto auspicato progetto di Riforma dello Sport che, tra le molte cose, avrà come obiettivo principale quello dell’istituzionalizzazione del “lavoro sportivo”.

La FIPE con il proprio sportello giuridico/fiscale (sportello@federpesistica.it) resta a disposizione per ogni richiesta di supporto in materia.