"Allenare la forza nei giovani"
“Allenare la forza nei giovani”

E’ ufficialmente uscito il nuovo libro del Presidente Antonio Urso, “Allenare la forza nei Giovani. Perché il passato ci ha tratto in inganno?”, edito da Calzetti & Mariucci e scritto con il contributo del Prof. Pasquale Bellotti e del Dott. Francesco Riccardo.

Il libro si prefigge di sdoganare definitivamente le reticenze sull’allenamento giovanile e della forza in particolare, sia nell’ambito della formazione fisica e motoria, sia in ambito sportivo. Si inizia spiegando il motivo per il quale i giovani devono allenarsi con i sovraccarichi, spiegando basi biologiche e andando nel dettaglio dell’allenamento dei bambini e degli adolescenti, dalla pesistica scolastica alla pesistica giovanile. Il testo, per una comprensione ottimale, contiene dei video esplicativi visionabili attraverso i QR Code, leggibili con qualsiasi tablet o smartphone.
https://www.calzetti-mariucci.it/shop/prodotti/allenare-la-forza-nei-giovani-antonio-urso
Dalla quarta di copertina:
“Non c’è giustificazione alcuna nei confronti di chi non vuole ancora oggi considerare l’allenamento della forza funzionale alla crescita dei giovani. Gli anni della giovinezza e della formazione motoria necessitano, invece, dello sviluppo di questa caratteristica umana, non capacità opzionale ma comprimaria nel movimento, e quindi fondamentale per la vita, prima che per lo sport. Per troppi anni molti pseudo-esperti, attraverso un negazionismo privo di scientificità, hanno voluto sostenere che i giovani sarebbero incorsi in problematiche fisiche derivanti dalla pratica dell’allenamento della forza. Questo libro, basato su evidenze scientifiche e indicazioni che vengono dalla ricerca, si propone invece di porre le condizioni affinché la forza nel movimento umano venga colta come elemento di importanza e rilievo assoluti anche prima che nel movimento sportivo. Conforta questa proposta anche l’Organizzazione Mondiale della Sanità che sancisce, in termini di linee guida, che i bambini da 0 a 5 anni debbano fare movimento finalizzato allo sviluppo della forza. Ulteriore sostegno viene dall’Accademia Americana di Pediatria con una visione operativa che pone l’allenamento della forza nei giovanissimi come condizione obbligata per lo sviluppo psicofisico ottimale. Un invito ormai generalizzato a rinnegare ciò che ci ha tratto in inganno nel passato, con la forza da considerare già nell’immediato futuro patrimonio culturale e motorio da inserire nel vissuto dei giovani”.