Inizierà domenica 15 ottobre il percorso degli Azzurri della Pesistica a Durazzo, in Albania, dove si terranno i Campionati Europei Junior e Under 23 fino a sabato 21 ottobre.

Nove gli atleti Italiani in gara guidati dal Commissario Tecnico Sebastiano Corbu: a rompere il ghiaccio in pedana è Alessandra Pagliaro, unica donna della delegazione azzurra, classe ’97, impegnata domenica nella categoria 48 kg alle ore 11.00. Sul fronte maschile invece medesimo compito spetterà ad Antonino Indoviglia, in gara anche lui domenica alle 18.00, nella categoria 62 kg. Lunedì alle ore 17.00 riflettori puntati su Mirco Scarantino, Campione Europeo in carica nella 56 kg, che punta a confermarsi in vetta al podio continentale.

Favorito della 69 kg Junior è invece Mirko Zanni, in pedana martedì 17 alle 14.30. Si prosegue mercoledì 18  alle 14.30 con Salvatore Esposito, Junior della categoria 77 kg, mentre giovedì alle 12.00 il palcoscenico europeo ospiterà nuovamente Cristiano Ficco, reduce dall’argento agli Europei U17 che si sono svolti a inizio ottobre in Kosovo. Sempre giovedì è Matteo Curcuruto ad affrontare il suo Europeo, nella categoria 94 kg, in programma alle ore 17.00. Da segnare sul calendario la data di venerdì 20 ottobre quando alle ore 9.30 a salire in pedana è l’azzurro Nino Pizzolato che lotterà per una medaglia nella 85 kg. A chiudere gli appuntamenti azzurri è Alessandro Vinci, protagonista della gara +105 kg, venerdì 20 ottobre alle ore 19.30.

Ad accompagnare lo squadrone azzurro ci saranno gli allenatori federali Vincenzo Ficco, Luigi Grando e Raffaele Navarino, il Dirigente Accompagnatore Salvatore Scarantino e il Capo Delegazione Giovanni Podda.

“Abbiamo delle buone possibilità con le categorie più piccole – dice il CT Sebastiano Corbu – Mirco Scarantino e Mirko Zanni fra tutti, ma anche gli altri se la possono lottare anche se mancano un po’ d’esperienza; ci potrebbe essere ancora qualche difficoltà nell’approccio alla gara, forse ci pensano troppo ma l’allenamento negli ultimi giorni di preparazione è stato eseguito bene, anche il lavoro di forza è eccellente”. Competizione fondamentale per tutti gli atleti, per alcuni questo Europeo si rivela una tappa importante di un percorso che ha mire ancora più alte: “Oltre al desiderio di fare una bella prestazione – prosegue Corbu – e di conquistare una medaglia importante, per Zanni e Scarantino questa competizione rappresenta un test cruciale in vista del Mondiale di Los Angeles di fine novembre, in cui si verificherà sia lo stato di forma sia l’approccio alla gara. Non solo: questa competizione è propedeutica al Mondiale che a sua volta sarà fondamentale per vagliare quella che sarà la qualificazione olimpica del prossimo anno”.