Il Presidente del Comitato Olimpico Internazionale, Thomas Bach, ha dichiarato che la Pesistica Olimpica potrebbe essere rimossa dal programma olimpico entro il 2024 se l’IWF continua a ignorare le riforme richieste nella lotta contro il doping.

Da ottobre Bach ha ripetutamente criticato l’IWF per aver allentato le sue regole antidoping, rifiutandosi di dare voce agli atleti, ignorando i consigli e i ripetuti avvertimenti. Le preoccupazioni del CIO sono cresciute dall’inizio del 2020, quando gli scandali di doping e corruzione hanno portato alle dimissioni di Tamás Aján, che per oltre 40 anni ha diretto l’IWF.

“La situazione sta diventando sempre più grave – afferma Bach – e il Comitato Esecutivo esprime la sua estrema preoccupazione per la mancanza di cambiamenti significativi per quanto riguarda la gestione e la cultura all’interno dell’IWF. Molte modifiche richieste sono state ignorate dall’IWF nonostante tutti gli avvertimenti che abbiamo emesso. Se le cause delle nostre preoccupazioni non vengono affrontate in modo soddisfacente e tempestivo, il comitato esecutivo del CIO dovrà rivedere il ruolo del sollevamento pesi nel programma delle Olimpiadi di Parigi 2024 e dei futuri Giochi Olimpici.

Abbiamo riconosciuto – continua Bach – che una modifica alle regole antidoping dell’IWF è stata annullata dopo l’intervento del Comitato esecutivo, ma abbiamo anche dovuto notare che molte altre modifiche richieste dal CIO, dall’International Testing Agency (ITA) e da esperti esterni sono state ignorate dall’IWF”.

Nonostante l’esclusione del suo controverso presidente, l’ungherese Tamas Ajan, l’IWF ha continuato infatti a essere afflitto da scandali di doping, corruzione e malagestione. E’ utile ricordare che ben otto membri del Board dell’IWF provengono da Paesi i cui atleti non possono prendere parte ai Giochi Olimpici di Tokyo 2020, in modo totale o parziale, proprio a causa di problemi di doping. Inoltre, tutti e otto sono candidati alle elezioni dell’IWF che si terranno il 26 e 27 marzo.

L’IWF non ha dato agli atleti un voto nel consiglio, e ha ignorato i consigli di esperti indipendenti sulla sua Commissione Etica e Disciplina e sulla sua Commissione Riforma e Governance. Ha rifiutato di accettare il parere dell’ITA in merito alle sue nuove regole e non ha nemmeno consultato gli esperti indipendenti della propria commissione antidoping. Ignorati anche i consigli riguardanti la tempistica di due Congressi, uno per le elezioni e l’altro per l’adozione di una nuova Costituzione; quest’ultimo, in particolare, sarebbe stato prioritario poiché non ha senso tenere elezioni basate sulle regole preesistenti. Ma il Consiglio IWF, rendendosi conto che molti membri sarebbero diventati non idonei a candidarsi alle elezioni in base alla nuova Costituzione e che le dimensioni del Consiglio stesso si sarebbero ridotte, ha votato affinché le elezioni si svolgessero prima del cambiamento della Costituzione. Il Congresso Costituzionale è previsto per la fine di aprile e nei prossimi giorni i dettagli della nuova Costituzione, modificata dal Consiglio, saranno resi noti alle singole Federazioni.