Il CONI ha presentato i risultati di uno studio sul posizionamento dello sport italiano al livello olimpico dal 2013 al 2022, risultati che racchiudono l’ottimo lavoro fatto dalle Federazioni negli ultimi anni e di cui il Presidente Giovanni Malagò si ritiene orgoglioso. Il Segretario Mornati sottolinea ulteriormente la positività dell’esito: “i numeri mostrano come sia difficile trovare un modello che funzioni meglio del nostro”.

Nonostante alcune criticità come il calo demografico e la diminuzione dei contributi pubblici allo sport olimpico, quest’ultimo continua a collocarsi nella fascia alta delle classifiche internazionali per qualità e quantità di risultati. Infatti, ad oggi l’Italia si posiziona al 6° posto tra i Comitati Olimpici Nazionali con 759 medaglie, 57 quelle vinte tra gli ultimi Giochi di Tokyo 2020 e quelli di Pechino 2022. Tra gli sport vincenti nelle più recenti Olimpiadi, il sollevamento pesi ha contribuito con ben 3 medaglie: l’argento di Giorgia Bordignon nella categoria -64kg, i bronzi di Nino Pizzolato nella categoria -81 kg e di Mirko Zanni nei -67 kg. Rispetto alle edizioni di Pechino 2008 per i Giochi estivi e Vancouver 2010 per i Giochi Invernali , le più recenti di Tokyo 2020-Pechino 2022 hanno visto un incremento dei podi complessivi del 78%.

Se consideriamo invece i risultati dei Campionati Continentali e Mondiali dello scorso anno nelle discipline olimpiche, l’Italia non scende mai dal podio. 219 sono le medaglie conquistate ai Campionati Europei, numeri che ci portano sul tetto d’Europa; nei Campionati del Mondo siamo invece la terza Nazione più medagliata, con 102 medaglie, solamente dopo Cina e USA, entrambe certamente più ampie e popolose dell’Italia.

Il report rimarca anche come lo sport sia sempre più inclusivo. Infatti, dall’accoppiata Londra 2012 – Sochi 2014 a quella Tokyo 2020 – Pechino 2022, la partecipazione femminile è aumentata del 15%.

Guardando a Parigi 2024, le proiezioni confermano questa tendenza positiva che sta investendo lo sport olimpico italiano nell’ultimo decennio. In particolare, il focus sulle medaglie ci porta al 5° posto con una stima di 42 podi e 16 ori.

Il report completo è disponibile qui: