Il Presidente Urso con il Segretario Generale Bonincontro ed Alberto Miglietta hanno fatto tappa questa volta a Bologna presso la sede del CONI Regionale dell’Emilia Romagna; folta la presenza di affiliati della Regione, a far gli onori di casa il Presidente del Comitato Regionale Matteo Raspadori con tutto il Consiglio Regionale e lo staff territoriale, e la Rappresentante degli Atleti in seno al Consiglio Federale Nazionale, Irene Toma.

Ancora una volta l’occasione è stata propizia, per il Presidente Urso, per ripercorrere la storia di questi ultimi vent’anni di gestione, per ricordarne il grande lavoro ed i grandi successi ottenuti, frutto di una radicale cambiamento culturale che ha portato la FIPE tra i grandi protagonisti del mondo sportivo nazionale ed internazionale, basata sull’alchimia di tre elementi fondamentali: la crescita tecnica, l’organizzazione e l’etica gestionale, sportiva ed amministrativa.

Ed è su queste basi che Alberto Miglietta ha fondato il proprio intervento, ed ha rilanciato le sue idee di sviluppo della Federazione, in una chiave di managerialità e di professionalità più consona alle nuove sfide che il mondo sportivo ci obbliga a seguire, ma sulle fondamenta già fortissime che fanno di questa nostra Federazione, un player sullo scenario attuale di grande solidità e di indubbie prospettive di crescita nel futuro.

Sui temi attuali invece si sono incentrati gli interventi dei presenti, che hanno voluto rappresentare gli aspetti dell’oggi a loro avviso da presidiare in regione ma non solo, quali le criticità del settore arbitrale, in sofferenza per vocazione e per applicazione, alcune problematiche regolamentari ed applicative della distensione su panca, e il rilancio delle attività dei master in una chiave di maggior coinvolgimento organizzativo.