Lorenzo Tarquini chiude la sua gara ai Campionati Europei Under 23 al settimo posto, con due sole prove valide, una di strappo e una di slancio. Per lui un totale di 315 kg, lontano dalla zona medaglia: oro all’armeno Harutynyan con 330, argento al connazionale Margaryan con 323, bronzo al polacco Beben con 320.

LA GARA

Lorenzo Tarquini entra in pedana nello strappo con 141 kg, ma la tensione della gara gioca un brutto scherzo: non si fa impressionare l’Azzurrino che rincara la dose con 142, sollevati senza incertezze. Tarquini sembra potersi contendere una medaglia fino all’ultimo ma i 146 tentati in terza prova non si incastrano e Lorenzo scivola al 5° posto di specialità. Nello slancio entra in gara tra gli ultimi con 173 kg ma non c’è abbastanza benzina per continuare la sfida con gli avversari kilo su kilo; l’Azzurrino di ferma, infatti, alla prima prova, con due errori successivi a 176 e 177 kg che lo lasciano al sesto posto di specialità, al settimo di totale con 315 kg.

Domani l’Italia torna in pedana con ben tre appuntamenti in programma: alle 14.00 Giulia Miserendino, alle 16.00 Fabio Pizzolato, alle 18.00 Genna Toko Kegne!

LE DICHIARAZIONI

Gonario Corbu

Una buona prestazione di Lorenzo Tarquini non basta a regalarci il podio, peccato perché il nostro azzurro ha dato tutto. Siamo comunque soddisfatti per l’esperienza fatta. Guardiamo già a domani dove avremo ben tre atleti in pedana e ci faremo trovare pronti.

Lorenzo Tarquini

Non è stata un bella gara. Ero consapevole di non essere al cento percento, ma mi aspettavo un risultato migliore. La gara era molto competitiva, eravamo in sette molto vicini, l’importante era non sbagliare e purtroppo non sono riuscito a non commettere errori.
Tralasciando il risultato sono comunque contento di aver partecipato e consapevole che nella prossima occasione si potrà fare molto meglio facendo vedere quello che valgo.