Giulia Miserendino conquista il titolo di Vice Campionessa Europea nella categoria fino a 71 kg sulla pedana armena di Yerevan. L’Azzurra delle Fiamme Oro conquista quindi l’argento di totale con 230 kg, oltre all’argento di strappo con 105 e al bronzo di slancio con 125. Giulia non migliora la sua posizione nel ranking verso i Giochi di Parigi 2024 (restano migliori i 233 kg fatti al Mondiale di Bogotà a dicembre) ma al suo primo Europeo Senior riesce a fare una gara da protagonista e a lottare per le vette della classifica e a fare esperienza con numeri importanti.

Giulia è tra le ultime a salire in pedana per lo strappo. L’Azzurra chiede 100 kg e si piazza subito avanti alle sue avversarie, mettendosi in lizza per una medaglia insieme all’inglese Davies, alla tedesca Schweizer e alla rumena Toma. La Davies prova ad alzare il tiro a 102 ma non riesce e si tira fuori dall’area podio; ce la fa invece la Schweizer con 103 ma viene subito superata dalla Toma che entra in gara con 105. Ribatte a tono la Miserendino, confermando la misura della rumena. La tedesca prova nuovamente a scavalcare le avversarie ma i 106 sono troppo e lascia le medaglie più preziose per le due avversarie. E’ la Toma allora a proporsi con 110 e a mettersi nuovamente avanti a tutte. L’Azzurra prova a replicare ma questa volta il bilanciere non sale; nell’ultima prova la rumena prova a staccare ulteriormente le dirette contendenti con 115 ma anche per lei l’ultimo tentativo non va a buon fine. Oro di specialità dunque per la Toma con 110, seguita dalla Miserendino con 105 e dalla Schweizer con 103.

Nello slancio sono le stesse atlete a ritrovarsi nel rush finale. Giulia Miserendino entra in scena con 125, kg esattamente come Loredana Toma, piazzandosi entrambe davanti ai 123 kg della israeliana Gold. Replica l’inglese Davies che, dopo due tentativi falliti a 126, al terzo riesce a sollevare la misura; non riesce invece a replicare la tedesca Schweizer così come l’israeliana, che aveva tentato addirittura i 128. Ci prova la Miserendino, prima con 128 e poi con 130 ma purtroppo deve accontentarsi della prima prova portata a termine. Riesce invece la Toma che, al terzo tentativo, incastra i 130, che le regalano l’oro di specialità e di totale.

Le dichiarazioni

Giulia Miserendino

“Mi dispiace non riuscire a fare in pedana quello che faccio in palestra; oggi sentivo il bilanciere pesante, soprattutto lo slancio. Però per essere il primo Europeo senior non mi posso lamentare, mi sono divertita e ho fatto una bella esperienza. Non mi aspettavo che tutte fossimo lì in cima, c’è stata molta competizione, ma sicuramente mi aiuterà a crescere e maturare. Io so che posso fare molto di più. Il livello è alto e io sono lì; oggi non era il giorno giusto evidentemente per dimostrare cosa so fare ma lo farò presto”.

Sebastiano Corbu

“Giulia si è fatta prendere molto dall’emozione della competizione ma va bene così, sono momenti che aiutano a maturare. Siamo comunque contenti del risultato”.