Il Team Italia Azzurro di Pesistica Olimpica è partito alla volta di Riyadh, dove dal 4 al 17 settembre 2023 si svolgerà il World Weigthlifting Championships. Si tratta di una tappa fondamentale del percorso che porterà il Sollevamento Pesi ai Giochi Olimpici di Parigi 2024. In Arabia Saudita ci saranno tutti gli atleti più forti del mondo e tutti con un unico obiettivo: staccare il pass olimpico.

Nove gli Azzurri che difenderanno i colori italiani sulla pedana iridata: Giulia Imperio (49kg) del CS Esercito; Celine Delia (55kg) Fondazione M. Bentegodi; Magistris Lucrezia (59kg) Società Ginnastica Pavese; Giulia Miserendino (71kg) Gs Fiamme Oro; Sergio Massidda (61kg) CS Esercito; Mirko Zanni (73kg) CS Esercito; Oscar Reyes M. (81kg) CS Esercito; Nino Pizzolato (89kg) GS Fiamme Oro; Cristiano Ficco (89kg) GS Fiamme Azzurre. A guidare i nostri atleti ci saranno il Segretario Generale della FIPE Francesco Bonincontro come Capo Delegazione, il Direttore Tecnico Sebastiano Corbu assieme ai tecnici Gonario Corbu, Luigi Grando, Matteo Orecchini e Pietro Roca.

Per l’occasione la FIPE è felice di annunciare la partnership con la testata Woodoo Weightlifting, che diventa media partner ufficiale del Team Italia per i prossimi due anni.

LE DICHIARAZIONI – SEBASTIANO CORBU

“I ragazzi stanno tutti bene, questo è il momento per far vedere quello che sanno fare perché ci stiamo giocando la qualificazione olimpica.

Giulia Imperio ha fatto una buona preparazione e ad oggi è in ottima forma; potrebbe fare un risultato da qualifica, poi bisognerà vedere l’approccio alla gara.

Sergio Massidda è uno che si diverte a fare questo tipo di competizioni, ed è anche giusto così, e secondo me sarà così anche a Riyadh. Attualmente è 5° nel ranking olimpico, con i 293 kg fatti al Mondiale di Bogotà, ma noi non ci accontentiamo. Abbiamo possibilità di fare molto meglio e lo cercheremo.

Celine Delia è una ragazza molto forte, lo dicono i risultati, ed è migliorata moltissimo negli ultimi mesi. E’ anche giovanissima e deve migliorare qualcosa nell’approccio alla gara, ed è venuto il momento di farle provare il brivido della grade pedana perché pensiamo che nel prossimo quadriennio toccherà a lei tentare la qualificazione.

Lucrezia Magistris è al Mondiale per raccogliere quello che ha seminato in termini di lavoro e impegno. Ha un carattere particolare, deve maturare e questa è l’occasione per farlo. Il fatto che gareggerà nel gruppo B potrebbe essere un vantaggio, vediamo cosa accadrà in gara.

Per Mirko Zanni siamo ancora in dubbio se farlo gareggiare o meno, visto anche il problemino al ginocchio avuto a Yerevan. Lui è 9° nel ranking olimpico, con i 335 kg sollevati all’Europeo, anche se le classifiche lasciano il tempo che trovano. Preferirei portare avanti un monitoraggio della ranking list e seguire gli avversari da vicino, in base ai kili non alle posizioni.

Cristiano Ficco è stato operato al ginocchio, quindi non gareggerà ma farà solo il peso, per questo si trova nel gruppo E.

Oscar Reyes sta bene, può fare la sua gara e vedremo di portare a casa un risultato che dia soddisfazione a lui e a noi. Il suo totale è comunque valido per la categoria 89 kg, quindi vediamo.

Nino Pizzolato lo porteremo in pedana; ha recuperato il suo problema alla schiena ma è solo qualche mese che fa certi carichi con una certa continuità. Ad oggi non ha più avuto fastidi, ma il tempo ovviamente è quello che è. Faremo di tutto per andarci a prendere un risultato che ci consenta di qualificarci. Poi ovviamente proveremo anche a fare medaglia, ma punteremo fondamentalmente alla qualifica.

Giulia Miserendino mi piacerebbe riuscisse a rimanere tranquilla e facesse quanto ha fatto in palestra. È in splendida forma, ci aspettiamo il meglio, poi ovviamente staremo a vedere che succede; spero se la goda fino in fondo e si diverta.