Secondo appuntamento importante del 2020 per la Nazionale Azzurra di Pesistica Paralimpica, che è partita alla volta di Manchester per una World Cup che potrebbe regalare molto all’Italia del Parapowerlifting. Per questo appuntamento il Direttore Tecnico Sandro Boraschi ha portato con sé buona parte della sua Nazionale: Donato Telesca, Matteo Cattini, Paolo Agosti, Raffaele Marmorale, Peppe Colantuoni. Ad accompagnarlo i tecnici Filippo Piegari, Orlando Volpe e il Direttore Sportivo Salvatore Primo. Le gare inizieranno giovedì 20 febbraio e termineranno il 23 ma le gare degli Azzurri sono in programma venerdì 21 e sabato 22 febbraio.

C’è grande ottimismo per questo appuntamento all’interno del Team Italia ParaPowerlifting, entusiasta di salire in pedana dopo la prestazione in chiaroscuro della Coppa del Mondo in Nigeria di pochi giorni fa.

“La preparazione dei ragazzi è andata bene dopo la competizione di Abuja – dice Filippo Piegari, vice del DT Sandro Boraschi – quindi le aspettative per Manchester sono alte. Capitan Teo si è allenato con costanza al CPO di Roma in compagnia di Paolo Agosti, che ne frattempo è tornato ad allenarsi dopo l’influenza, mentre Donato Telesca si è ripreso dalla prestazione non brillantissima di Abuja e in questi ultimi giorni di preparazione ha fatto buone misure. Sono in forma anche Raffaele Marmorale e Peppe Colantuoni, quindi siamo molto ottimisti”.

Quella di Manchester è una tappa importantissima per la Nazionale Italiana di ParaPowerlifting in vista del percorso di qualificazione per i Giochi. “Mancano solo 3 appuntamenti prima delle Olimpiadi: Manchester, poi la Colombia e infine l’ultimissima Coppa del Mondo a Dubai. Matteo ha già scalato un po’ di posizioni durante l’ultima gara in Nigeria mentre la classifica di Don è rimasta invariata. Se tutti facessero in gara quello che stanno facendo in allenamento siamo sicuri di poter salire di qualche gradino nel ranking per il nostro obiettivo primario che rimane Tokyo 2020”. Oltre a Matteo Cattini e a Donato Telesca c’è anche un altro atleta che può ancora sperare in una qualificazione: “si tratta di Paolo Agosti che sulla classifica mondiale ha ancora un vecchio risultato mentre dimostrando in gara quello che sta facendo in allenamento salirebbe molte posizioni andando vicino alla decima. Paolo ha ancora tanto da poter dimostrare”.

Ecco gli orari delle gare Azzurre: