Una grande trasferta per il Team Italia di Parapowerlifting che chiude il Parapan American Open Championship con il record di medaglie conquistate in una gara internazionale: ben 5, tra cui 3 d’oro, un argento, un bronzo e un 4° posto al Team Mix, alla prima esperienza per gli Azzurri in una competizione a squadre. Tre gli Azzurri in gara guidati dal DT Sandro Boraschi e dal tecnico Filippo Piegari: Emanuela Romano, Donato Telesca e Andrea Quarto.

I primi due ori arrivano grazie a una grande prestazione di Emanuela Romano, nella categoria fino a 50 kg. Per lei un trittico di alzate valide, 83-86-90 kg e un totale di 259, migliore della 1° a pari merito nel best lift, la brasiliana Santos De Oliveira.

E’ poi la volta di Donato Telesca, che entra in gara prepotentemente con 195 kg, deciso verso l’obiettivo al quale lavora da mesi insieme con il DT Boraschi. In seconda prova propone i tanto desiderati 200 kg, ma purtroppo i due rossi gli rovinano la festa, solo rimandata di qualche minuto; ci riprova infatti al terzo tentativo e questa volta tutti e tre i giudici di gara sono concordi nell’assegnare la prova valida, che gli vale il nuovo primato europeo (fissato da lui stesso a 199 kg nel dicembre scorso). Dietro di lui il colombiano Francisco Tulio Palomeque Palacios con 187 kg, bronzo per il brasiliano Ailton Bento De Souza con 180. Per Donato argento nel totale con 395 kg, dietro al cileno Matias Antonio Reveco Caravel con un trittico di alzate valide, seppure lontane dalle medaglie, con un totale di 447.

Ottimo 4′ posto nel best lift per l’ultimo azzurro in gara, Andrea Quarto, che si migliora di ben 7 kg sollevando 197 kg all’ultima alzata. Per lui anche il bronzo nel totale con 573 kg grazie al trittico di alzate valide (185-191-197).

Prima esperienza poi nel ‘Mixed Team event’, la gara a squadre composta da tre atleti, che l’Italia chiude con un ottimo 4° posto. Dopo delle buone batterie, gli Azzurri si classificano per semifinali, dove restano 4 delle 7 Nazioni in gara: purtroppo il Cile, che vincerà poi l’oro davanti alla Colombia, si dimostra troppo forte per gli Azzurri che, nella finale terzo/quarto posto, devono vedersela con il Messico di Amalia Perez (4 ori paralimpici) e Jesus Castillo altro medagliato olimpico e plurimedagliato mondiale. L’Italia riesce a portare la sfida alla terza e ultima alzata, dove Donato Telesca tenta un incredibile 211 kg, senza però riuscire a sollevarli completamente. Il bronzo va dunque ai messicani ma agli Azzurri rimane l’onore delle armi!

“È stata una buona trasferta, faticosa ma fruttuosa – dice al rientro il DT Sandro Boraschi – in gara ci siamo divertiti e abbiamo fatto buoni risultati, soprattutto abbiamo fatto vedere quello che su cui abbiamo lavorato per mesi in palestra. Con Emanuela abbiamo affinato la tecnica e abbiamo sbloccato una situazione emotiva importante; con Donato siamo riusciti a scavalcare i famosi ‘200 kg’ e a ritoccare il Record Europeo. Con Andrea miglioriamo costantemente nella prestazione, lavorando sempre più pulito. Bene anche la gara mista, alla quale ci ha invitato più volte la stessa IPC; ci è servita da stimolo per il gruppo, a renderlo ancora più affiatato, ha legato molto i ragazzi. Ora pensiamo alla prossima gara. A settembre andremo a Tbilisi per gli Europei, con una squadra composta da 6 atleti: Emanuela Romano, Donato Telesca, Andrea Quarto, Matteo Cattini, Peppe Colantuoni, Andrea Bruno. Sarà una gara importante in sé, e anche perché rappresenta una tappa in vista della qualificazione olimpica per Parigi 2024”.