Nino Pizzolato mette il sigillo alla sua seconda partecipazione olimpica con un’ottima conferma sulla pedana della Coppa del Mondo di Phuket. L’Azzurro conquista infatti la medaglia di bronzo di slancio sulla pedana thailandese, sollevando 210 kg in seconda prova: per lui un totale di 380 kg, grazie ai 170 di strappo, le stesse misure portate a termine nelle precedenti due competizioni, il Grand Prix del Qatar a dicembre, e l’Europeo di Sofia a febbraio. L’oro è andato al bulgaro Nasar con 396 kg, argento al colombiano Lopez con 392 kg, bronzo al cinese Li con 383. Per Nino, che mantiene la sua settima posizione nella ranking list olimpica, inizia quindi ufficialmente il countdown che lo porterà sulla pedana dei Giochi di Parigi ad agosto.

Le dichiarazioni

Sebastiano Corbu

Prima che iniziasse la gara sapevamo che la qualifica era al sicuro e abbiamo provato a fare qualcosa di diverso rispetto alle precedenti competizioni, facendo uno scarico diverso ma Nino non si è trovato bene. Ci è servito comunque per capire e siamo contenti perché lui ha reagito bene, nonostante le difficoltà che aveva mostrato nel riscaldamento. Ci aspettavamo qualcosa di meglio dai nostri avversari, dai cinesi e dal colombiano soprattutto, pensavamo fossero più in forma. Ora andiamo a prepararci per i Giochi, cominceremo già lunedì: sappiamo bene quello che abbiamo fatto e sappiamo anche dove dobbiamo andare a ritoccare. Possiamo fare bene.

Nino Pizzolato

Questa è la terza gara consecutiva in cui realizzo un totale di 380 kg; li abbiamo fatti tentando anche cose diverse, facendo dei test di comune accordo con il DT Sebastiano Corbu. Non sono andati come avremmo voluto ma ora testa bassa e si lavora. Siamo comunque contenti che io sia in buone condizioni fisiche e non abbia avuto ripercussioni alla schiena. Ora inizia il conto alla rovescia per Parigi, la mia seconda Olimpiade e sono felicissimo: darò tutto me stesso.