Doppia gara oggi per gli Azzurri impegnati ai Mondiali di Para Powerlifting di Dubai: questa mattina la gara di Gabriele Di Cristina che, dopo aver ottenuto il 4° posto ieri nei Rookies con i suoi 16 anni, oggi ha gareggiato anche tra i Senior nella categoria fino a 49 kg. Una grande prova di carattere per il nostro Azzurrino che, dopo due prove nulle, piazza la terza alzata a 72 kg, migliorando di nuovo il suo personal best di un kilo.

“Ci siamo assunti rischio di un eventuale fuori gara – dice il DT Sandro Boraschi – ma quello che serviva era fare esperienza. Bravissimo Gabriele perché ha ‘messo’ la terza prova che, dopo due nulli è un bel risultato. Ottimo carattere e tanto lavoro davanti. Abbiamo messo un mattone, poi di tempo per crescere e migliorare ne ha”

“Sono contento di aver fatto la mia gara – dice Gabriele Di Cristina – Dopo le prime due prove ho capito che non dovevo e non potevo arrendermi e ho dato il tutto per tutto”.

In serata poi la gara di Emanuela Romano, nel gruppo A della categoria fino a 50 kg. L’Azzurra aveva l’intenzione di migliorare i 92 kg che l’hanno messa al 7° posto nel ranking per Parigi, ma purtroppo la sua gara si è fermata agli 88 kg sollevati in prima prova. Nulli infatti i due successivi tentativi a 93.

“Mentalmente ero carica ma la  spinta non c’era, è evidente – dice con molta umiltà a fine gara Emanuela – Sono arrivata al Mondiale preparata, poi ho dovuto fare un grande calo peso che non mi ha permesso di stare al top”.

“Tecnicamente la preparazione stava andando molto bene – dice Filippo Piegari, il tecnico che ha accompagnato la Romano in pedana – Emanuela ha spinto fino a tre settimane fa, quando c’è stato l’inizio del calo peso, che è stato più difficoltoso del previsto. L’introito calorico è calato drasticamente e purtroppo senza benzina, anche se il motore è buono, la macchina non va. Il risultato è che non siamo riusciti nel nostro intento di migliorare la posizione nel ranking per Parigi. È mancata la forza, non la tecnica”